03 Dicembre 2021
News
percorso: Home > News > FESTA DEI POPOLI

La nostra estate: Festa dei Popoli 2014 e Oratorio

21-09-2014 15:47 - FESTA DEI POPOLI
Piazza Gramsci- Piazza dei popoli
L´undicesima edizione della Festa dei Popoli ha riempito ancora una volta Piazza Gramsci. L´edizione 2014, sottotitolata "La Piazza dei Popoli", si è sviluppata intorno al tema della necessità di ritrovare luoghi pubblici d´incontro e di condivisione. Un´esigenza emersa nelle riflessioni quotidiane dei ragazzi all´interno del doposcuola, che lamentano la mancanza nel comune di Agliana di spazi di aggregazione, ma anche dal confronto con gli adulti. Per due giorni quindi abbiamo voluto riportare Piazza Gramsci ad una dimensione davvero "sociale", dove le persone si possono incontrare e possono mettere in mostra il loro sapere.

Ecco la rassegna stampa completa della festa e delle attività estive di Portaperta che ha partecipato attivamente all´Oratorio della Parrocchia di San Piero Agliana nel mese di luglio.

AGLIANA. Torna sabato 21 e domenica 22 giugno in piazza Gramsci la Festa dei Popoli, organizzata dall´associazione PortAperta della parrocchia di San Piero, che opera sul territorio aglianese da circa 14 anni. Nelle sere di sabato e domenica in piazza ci saranno lo spazio informativo, la fiera di beneficenza, il mercatino equo e solidale, lo spazio gioco per i bambini, la tenda del tè e l´angolo dell´henné. Dalle 20 la cena etnica e dalle 21,30 i concerti.

Spazio, sul palco di piazza Gramsci, alla musica con influenze da ogni parte del mondo: sabato si esibirà l´ensemble multietnico Med Free Orkestra, mentre domenica sarà il momento dei MaMaAFR!KA. "Piazza dei Popoli" è il titolo scelto per questa dodicesima edizione della manifestazione. «Abbiamo pensato alla piazza - spiega la coordinatrice di PortAperta Francesca Meoni - come luogo fisico di convivenza e condivisione e ci piacerebbe che la festa fosse uno stimolo anche per la politica, per chi prende le decisioni». «Piazze - aggiunge il presidente dell´associazione don Paolo Tofani - come centri dove si rivendica giustizia e dove le persone si ritrovano per protestare».

«Un evento che nasce dal basso, possibile - ricordano gli organizzatori - grazie all´impegno di circa 50 volontari, alla collaborazione con altre associazioni ed ai ragazzi del doposcuola che contribuiscono seguendo le varie fasi di preparazione». Non solo, dunque, una festa di 2 giorni, ma, sottolinea Meoni, «l´espressione del lavoro dell´associazione per la giustizia e la dignità umana; un lavoro svolto giorno per giorno, che, durante la festa, assume una forma pubblica». Un modo, prosegue don Paolo, «per comunicare cosa l´associazione porta avanti durante tutto l´anno, poiché, nonostante la presenza interculturale sul territorio sia consolidata, non c´è, di questo, ancora una conoscenza approfondita».

Un´associazione, PortAperta, che oltre ad organizzare i corsi di italiano per stranieri ed a promuovere progetti per le pari opportunità, è frequentata durante l´anno per il doposcuola da circa 60 bambini e ragazzi di elementari, medie e primi anni delle superiori. Molte sono anche le donne che partecipano alle attività dello spazio donna di via Trieste. Tra le novità in programma per questa edizione della festa, l´allestimento a verde di un angolo della piazza, curato dall´architetto e volontaria dell´associazione Sandra Verdiani. «Abbiamo chiesto ai bambini e a tutte le persone che frequentano PortAperta come avrebbero voluto la piazza - spiegano gli organizzatori - e l´allestimento di quell´angolo rappresenterà la realizzazione della risposta che ci hanno dato». Un altro elemento che porterà la vita quotidiana dell´associazione direttamente dentro la festa è rappresentato proprio dalla cena. «La preparazione dei cibi - ricorda Elisa Puggelli di PortAperta - viene gestita dalle donne dello spazio donna, dove, durante l´anno abbiamo svolto il corso di cucina e lingua italiana». (ews/i-mamaafr-ka-alla-festa-dei-popoli-1.9453179>di Tommaso Artioli, da "Il Tirreno")

Boom di partecipanti all´oratorio estivo.
AGLIANA. Sono in 130, tra bambini e ragazzi dai 6 agli 11 anni, a frequentare l´oratorio estivo della parrocchia di San Piero, già nella prima settimana di apertura. «Da luglio - spiega il responsabile Luca Bini Mezzanotte - si sono aggiunti altri 20 ragazzi. Le richieste da parte delle famiglie - prosegue - sono aumentate rispetto a quelle dello scorso anno e, dai 140 ragazzi dell´estate 2013, siamo arrivati a seguirne 150».

L´oratorio estivo resterà aperto fino al 18 luglio, dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 16, nei locali parrocchiali del circolo Verdi e del centro Madre Teresa, dove durante l´anno si svolge il doposcuola dell´associazione PortAperta, che collabora con i propri operatori e volontari anche all´attività estiva con i bambini. In programma una giornata alla piscina di Montale ogni settimana ed a luglio la consueta gita di fine attività.

Un lavoro, quello dell´oratorio estivo, che coinvolge quotidianamente, oltre al responsabile ed agli operatori più esperti, molti giovani che, superati gli 11 anni di età, dopo averlo frequentato nelle scorse estati, hanno deciso di collaborare come animatori. Sono circa 30 i ragazzi del gruppo giovani della parrocchia a trascorrere le giornate con i più piccoli frequentatori dell´oratorio. Con loro anche le donne che si occupano della cucina e della preparazione dei pasti. «Un servizio, quello dell´oratorio estivo, - sottolinea Bini Mezzanotte - sul quale la parrocchia investe per andare incontro alle famiglie».

L´oratorio ha aperto i battenti lunedì, dopo la chiusura della dodicesima edizione della Festa dei Popoli, organizzata dall´associazione Portaperta della parrocchia di San Piero, che si è svolta sabato e domenica in piazza Gramsci. «Siamo contenti - spiegano gli organizzatori - perché vediamo aumentare costantemente il numero di persone coinvolte nella realizzazione della festa e notiamo che PortAperta sta diventando un punto di riferimento. Il nostro ringraziamento - ricordano - va ai volontari, alle diverse comunità culturali che contribuiscono e partecipano, alla Caritas di Pistoia, alle donne del centro donna ed ai ragazzi del doposcuola. Molto importanti i contributi economici che rendono possibile l´evento come quelli del Comune di Agliana e della Banca di credito cooperativo di Vignole. Inoltre, ringraziamo il forno Tripoli per il pane fornito gratuitamente ed i vivai Gheri per le piante con le quali abbiamo allestito a verde un angolo di piazza Gramsci». ews/boom-di-partecipanti-all-oratorio-estivo-1.9533038>(di Tommaso Artioli, da "Il Tirreno")


Si ringrazia Massimiliano Sarno per le bellissime foto, per vedere la falley completa segui "Festa dei Popoli" su Facebook.

Fonte: Rassegna Stampa

Realizzazione siti web www.sitoper.it